Da Confidi Hub, il laboratorio per crescere insieme che si è tenuto a Roma il 5 Luglio scorso una serie di indicazioni che riguardano le importanti incombenze di carattere burocratico che i nuovi confidi dovranno portare avanti per essere sempre al fianco delle necessità della clientela.

Nelle stesse ore è arrivato il via libera della Camera dei Deputati al disegno di legge delega per la riforma del sistema dei confidi. La Camera ha dato il verde al provvedimento introducendo anche il meccanismo del parere rafforzato che permetterà alle commissioni Finanze di Camera e Senato di esaminare i decreti attuativi della riforma anche nei dettagli.

Nel suo intervento il Dott. Michele Dioguardi, Presidente di INTERFIDI Taranto e vicepresidente di Rete Confidi Italia ha affermato :" questa legge delega è un grande passo avanti per il nostro mondo. Punta a fare chiarezza, supportando il settore delle garanzie e risolvendo il problema più grande che abbiamo, la disintermediazione del fondo centrale così come afferma l'On. Michele Pelillo relatore alla Camera del provvedimento al quale va un forte ringraziamento a nome di tutta la categoria".

Ora la legge delega da al Parlamento sei mesi per mettere nero su bianco il nuovo impianto del sistema dei consorzi e delle cooperative che offrono garanzie a PMI e professionisti per l'accesso al credito bancario. In questo periodo ha affermato il Presidente Dioguardi," nelle prossime settimane come Rete Confidi Italia daremo il nostro contributo non appena il Governo dominerà a lavorare sui singoli articoli".

Nel provvedimento, ricorda ancora il Presidente Dioguardi, sono vincolanti per i futuri decreti attuativi anche le misure di semplificazione burocratica per l'accesso al credito e l'abbattimento dei costi per gli intermediari finanziari. L'idea è quella di trovare dei meccanismi di alleggerimento eliminando anche duplicazioni e complicazioni per rendere più veloce il raggiungimento del risultato.

Da qui è possibile scaricare le slide dell’evento.